(fotografato al Monte Velino-Abruzzo
substrato:ghiaia calcarea)


(fotografato Costaserini- Monti Aurunci - Lazio)

Juniperus communis L.
GINEPRO COMUNE

Cupressacee. Questa pianta largamente diffusa in Italia, dal mare fino a 3000 m di altitudine; a queste quote rappresentata dalla specie nana, dal portamento prostrato. Gli aghi blu-verdi sono disposti in verticilli di tre e hanno una banda bianca sopra.Il primo anno le bacche sono verdi, i galbuli maturano in due anni e diventano di colore blu-scuro. I fiori maschili e quelli femminili crescono su piante diverse.
I fiori maschili sono gialli mentre quelli femminili sono verdi.La corteccia bruno-rossastra si lacera in strisce.
Colonizza spontaneamente terreni anche estremamente poveri, per questo una specie preziosa per il consolidamento di detriti mobili e pendici instabili.
Nell'Europa medioevale i rami e foglie di ginepro venivano bruciati per tenere lontano il maligno e, insieme con il legno di faggio, per affumicare e conservare i prosciutti.

va a juniperus nana
torna a I J
torna all'indice